Consigli di Bellezza

PAO: scadenza prodotti di bellezza

PAO - scadenza prodotti di bellezza

I prodotti di bellezza hanno una scadenza? PAO.

Sicuramente molti si pongono questa domanda, altri nemmeno ci pensano e continuano ad usare i prodotti cosmetici fino alla fine. Ovviamente come tutti i prodotti in commercio, anche quelli cosmetici hanno una scadenza e chi la stabilisce è il PAO, ecco perché è così importante conoscerlo. Quando si acquista un prodotto di bellezza non sempre riusciamo ad usarlo in breve tempo con il rischio che non ci accorgiamo della sua scadenza. Il PAO è quel simbolo che ci indica i mesi in cui è sicuro usare un prodotto cosmetico una volta aperto. Insieme cerchiamo di scoprire perché è importante conoscerlo e rispettarlo.

Dove si trova e come si legge

Scadenza Prodotto

Individuare il PAO è semplice:

  • Il PAO ovvero Period After Opening (cioè il periodo di tempo dopo l’apertura) è il simbolo grafico la cui presenza sull’etichetta di tutti i prodotti cosmetici (per la cura della pelle (Skincare), creme viso, corpo, make-up, ecc.) è obbligatoria per legge dal 2005.
  • Dove lo troviamo? Semplice: si trova sul retro o alla base del prodotto, raffigurato da un simbolo di un barattolo aperto stilizzato, con indicato al centro i mesi per cui può essere utilizzato a partire dalla sua apertura

Esempio: se il vostro prodotto è contrassegnato da 12 M, significa che il cosmetico in questione durerà 1 anno una volta aperto.

Il PAO è uno dei simboli più facili da interpretare tra i tanti presenti sulle etichette dei prodotti.

  • È fondamentale rispettare il PAO, perché ogni prodotto a contatto con l’aria si deteriora e la formula potrebbe non essere più stabile come all’inizio, perdere le sue funzioni o causare problemi alla pelle come irritazioni, eritemi e sfoghi cutanei, provocando anche gravi reazioni soprattutto alle pelli sensibili.
Ecco perché non bisogna aprire il MAKE-UP in un negozio, ma utilizzare sempre il tester presente o chiedere al personale, perché nel momento in cui apriamo un prodotto lo stiamo già deteriorando. La persona che dopo di noi lo acquisterà è ignara, rischierebbe di poterlo usare per poco tempo oltre al rischio di spiacevoli reazioni avverse sulla pelle (questo potrebbe succedere anche a noi). Quindi impariamo tutti a non farlo.
  • È sempre bene oltre al PAO, osservare con attenzione l’aspetto del prodotto che stiamo utilizzando perché, soprattutto nei mesi estivi, il caldo può andare ad intaccare la formulazione se il prodotto non è ben conservato e quindi subire dei cambiamenti nella consistenza, nel colore ed emanare un cattivo odore e in questo caso: buttare immediatamente.
Prestare attenzione al PAO nei cosmetici è fondamentale: 1°: per la nostra sicurezza: perché dobbiamo essere sempre sicuri di ciò che utilizziamo sul viso e non solo. 2°: un prodotto scaduto può, in casi rari, procurare reazioni evidenti, ma soprattutto la formula diventa poco performante, alla lunga occludere i pori e peggiorare l’aspetto della nostra pelle, se si tratta di crema viso o siero.

DIFFERENZA TRA PAO E DATA DI SCADENZA.

PAO e data di scadenza sono due cose diverse. Il PAO come spiegato precedentemente è la durata del prodotto dal momento dell’apertura. La Data di Scadenza (come per gli alimenti) viene indicata esclusivamente su prodotti cosmetici facilmente deperibili, e si riferisce al prodotto ancora sigillato e non dal periodo della sua apertura; dopo tale data non è più possibile usarlo. Vi sono prodotti cosmetici che non hanno bisogno di avere indicato il PAO:
  • Cosmetici con durata minore ai 30 mesi (cioè 2 anni e mezzo), dove il brand ha l’obbligo di indicare la data di scadenza;
  • Confezioni monodose o campioncini;
  • Prodotti che non entrano in contatto con l’ambiente esterno.
La scadenza dei prodotti di Make-up chiusi e ben conservati può variare in base alla loro tipologia: rossetti e polveri durano fino a 5 anni se non aperti, i prodotti Skincare 2 o 3 anni. Quindi è importante non confondere la scadenza dei prodotti con il PAO, cioè il periodo di tempo in cui si possono usare senza che vi siano reazioni avverse o deteriorarsi. Riassumendo:
  • La data di scadenza dei prodotti cosmetici fa riferimento al prodotto ancora sigillato (vale la stessa cosa degli alimenti).
  • PAO ( Period After Opening) ci indica i mesi che ci consente all’utilizzo dei cosmetici dopo la loro apertura.

COME FARE PER RICORDARCI QUANDO ABBIAMO APERTO UN PRODOTTO DI BELLEZZA.

Noi donne siamo appassionate di Skincare e di trucco e molto spesso esageriamo nel loro acquisto trovandoci così sommerse di prodotti che non si finiranno mai prima della loro scadenza. Un consiglio: Non aprire mai un cosmetico solo per guardarlo se non si intende usarlo per davvero; perché il PAO non perdona. Sicuramente per le creme o sieri è più facile ricordare quando è stato aperto un prodotto perché ha un uso quotidiano e si riesce a finirlo prima della sua scadenza, mentre per certi prodotti Skincare o Make-up non è così facile ricordarlo perché non tutti li apriamo nello stesso momento e non hanno un utilizzo continuativo. Vogliamo dirvi un trucco che vi può aiutare a ricordare fino a quando potete utilizzare quel prodotto senza andare incontro a rischi.
  • I trucchi per noi donne e ragazze non sono mai troppi soprattutto se sono la nostra passione, quindi si potrebbe tenere un diario dove andremo a segnare:
    • il nome del prodotto,
    • la data di acquisto,
    • la scadenza, se è presente
    • se c’è il PAO, la data di apertura,
    • e il termine di tempo entro il quale utilizzarlo.
  • Oppure si può apporre sul prodotto un’etichetta adesiva con segnato il mese di scadenza.
Esempio: se abbiamo aperto il prodotto a Giugno e il PAO ci indica 6 mesi, ci scriveremo Dicembre + anno di scadenza (es. Dicembre/2021). Gli unici prodotti che possono essere utilizzati – ma con accortezza- dopo la loro scadenza sono le polveri perché è stato riscontrato in diversi studi che deperiscono più lentamente rispetto ai prodotti in crema. Però la loro qualità e durata è determinata anche da come noi le trattiamo nel tempo, e soprattutto se i pennelli da trucco vengono usati correttamente, cioè vanno sempre lavati, al fine di non trasportare batteri né sul prodotto né sulla pelle.

Related Posts